Home > Il cantante dei casino royale

Il cantante dei casino royale

Il cantante dei casino royale

La nostra nuova casa diventa rifugio per amici, cugini e parenti di Pauline, che ci ospita. Sono incuriositi e sorpresi, apprezzano il nostro interesse verso la loro cultura e ci riconoscono sorpresi un certo stile, sono aperti a condividere il loro know-how e mettono in mostra il loro talento. Bola e Trevor vivono praticamente con noi ci accompagnano nel processo creativo, rappano sulle nostre basi e si confrontano con noi sulla scrittura. Un giorno arriva Tony, il più rude boy di tutti, una sorta di capo famiglia.

Per noi suona come una benedizione, poi aggiunge: Campioniamo dischi e componiamo beat, buttiamo giù scenari sonori, immagini scritte e cerchiamo parole chiave. Abbiamo solo un cellulare, uno dei primi costosissimi cellulari la cui bolletta al ritorno ammonterà a qualche milione di vecchie lire. Siamo la prima band italiana a mettere piede nella sede di Camden e a suonare dal vivo. La conduttrice storpia il nome della band ma poi il resto va tutto per il meglio: Si erano fermati sul London Bridge perché uno di noi ubriaco doveva sboccare. Quando rientriamo in contatto con la nostra vita milanese esplodono spesso tensioni, prevalentemente legate alle relazioni di coppia.

La distanza non aiuta e anche la lontananza mentale provocata della full immersion londinese peggiora la situazione. Una delle nostre compagne è rimasta incinta e qualcuno deve decidere che strada prendere. Grigio a Milano, grigio a Londra, grigio a Varese. Si stava definendo il cromatismo giusto nella palette dei colori per CRX e si stava delineando anche il sound: Continuiamo a scrivere, cantiamo, suoniamo, rifiniamo i brani. Dentro, nella bella casa del varesotto, stiamo bene — ma non tutti. Circola tra noi tanta fragilità e sensibilità che rende alcuni vulnerabili. Viviamo aspettative e timori. Per noi fare un disco significa metterci a nudo.

Ci fanno visita i discografici: Ritorniamo a Londra per il mix finale agli Orinoco Studios. Ci invitano alla loro serata che si chiama Heavenly Sunday Social, beviamo Guinness, assaggiamo qualche caramella offerta da loro e stiamo bene. Uno dei loro brani è nella colonna sonora del gioco e a volte passa a trovarli il loro manager con mazzi di fogli di royalty. Il nome del loro progetto è Chemical Brothers: Mixiamo tutto e andiamo a fare il master in un mega studio di cui non mi ricordo il nome, ma ho chiaro il ricordo di una foto di Carla Bruni in bianco e nero che mostrava il suo fantastico culo.

Mandiamo il master alla Polygram e restiamo in attesa di un loro feedback. È un continuo mix di emozioni e riflessioni dei nostri io. I loro live erano festa pura, poderosa e trascinante festa che univa tutti e che riempiva a dismisura miracolo a Milano locali come il Rolling Stones; cosa mai capitata prima con band italiane esordienti. Successivamente l' "idea" sarebbe diventata professione, maturazione musicale, ricerca, applicazione. Un processo evolutivo che ci avrebbe lasciato in dotazione una delle migliori band italiane degli ultimi quindici anni. I Casino Royale sono nati a Milano nel , e la loro comune passione per la musica giamaicana, e per lo ska in particolare, li ha da subito portati ad eseguire cover dei più grandi gruppi del genere.

La solita trafila di concerti e cassette autoprodotte si interrompe con il concerto all'International Ska Festival di Londra. Una grande performance live che vale l'interesse della critica e della label inglese Unicorn. I primi tre album Soul of Ska - Jungle Jubilee - Ten Golden Guns sono cantati in inglese e musicalmente ribadiscono uno ska sanguigno e moderno. Una novità in Italia, come una novità è l'inserimento di cover tratte dalla canzone italiana anni 50, come per "Caravan Petrol" di Renato Carosone, assolutamente trascinante. Le esibizioni live continuano a grande ritmo. Centinaia di concerti in giro per l'Italia, anche davanti al grandissimo pubblico support di Vasco Rossi , consacrano i Casino Royale come una fra le migliori band italiane.

I problemi contrattuali con la Kono Music fanno si che un biennio trascorra senza alcuna uscita discografica. Si dovrà attendere sino al , dopo il passaggio alla Black Out, per rivedere un nuovo disco dei Casino. Esce in quell'anno infatti "Dainamaita", il primo album del gruppo cantato in italiano. Inizia da Dainamaita un percorso evolutivo che porterà la band ad abbandonare gradatamente lo ska per avventurarsi in generi fino ad allora inesplorati ed a circondarsi di collaborazioni "calate" in un universo musicale vicino all'hip-hop, ai suoni campionati, al mondo dei dj.

Le vendite intorno alle L'album che prosegue e rende veramente palpabile la frattura con il passato sarà "Sempre più vicini", uscito nel sempre a cura della Black Out. E' veramente un album di grande livello con una produzione accurata, un sound maturo ed originale, una serie di brani vicini alla perfezione dove primeggia la calda voce di Giuliano Palma. I Casino Royale avranno forse perso una serie di fans del periodo ska, ma acquisiranno con questo e con i prossimi dischi un pubblico decisamente più vasto. A "Sempre più vicini" partecipano come produttore Ben Young che aveva già lavorato con Almamegretta e come collaboratori i Sangue Misto.

I sottovalutati: CRX dei Casino Royale

Era il quando in Italia uscì Crx dei Casino Royale. L'ultimo album della band che aveva come voci Alioscia Bisceglia e Giuliano Palma e. Il gruppo che l'ha fatto uscire si chiama Casino Royale. Provare a raccontare la storia del disco impone di ripercorrere a rovescio vent'anni di. Cantante, organizzatore di eventi ed esperto di food: Alioscia Bisceglia ha Ecco tutto quello che c'è da sapere sul frontman dei Casino Royale. Da bambino abitava nel quartiere Isola del capoluogo lombardo, Alioscia Bisceglia, vita privata e curiosità sul cantante dei Casino Royale. Al Magnolia, in casa quindi, i Casino Royale porteranno live il doppio cd CRXX uscito a fine , con la versione masterizzata di CRX (). I Casino Royale sono un gruppo musicale italiano formatosi a Milano nel dall'incontro di Campbell in arte Mikey Dread storico conduttore radiofonico, cantante e produttore giamaicano che ha collaborato in passato con i Clash. Un ingranaggio perfetto i Casino Royale dei primi anni: ska, rocksteady, reggae, Clash (il cantante Alioscia è un grande fan di Joe e compagni), Specials.

Toplists